Il Club

GENOA CRICKET AND FOOTBALL CLUB

Il Club di Calcio più antico d'Italia
Anno di Fondazione: 1893

Storia del Club


Il club di calcio più antico in Italia, fondato il 7 settembre 1893 presso il Consolato Britannico di Genova, unica società a carattere calcistico ancora attiva tra le sette che costituirono, nel 1898, la Federazione Italiana Football (poi F.I.G.C.), è quarto nella scala dei vincitori del Campionato Nazionale (9 scudetti) e vanta una lunga serie di record e primogeniture.
Il palmarès include una Coppa Italia (1937), quattro trionfi internazionali (2 Coppe delle Alpi nel 1962 e 1964, 1 Coppa dell’Amicizia Italo-Francese nel 1963, i1 Torneo Anglo-Italiano nel 1996) e molteplici successi agli albori (menzioni speciali per Palla Dapples e Coppa Lombardia).
L’attività promossa alle origini fu fondamentale per diffondere la pratica del calcio e i valori dello sport. Grande impulso lo fornì James Richardson Spensley. Medico e filantropo, portiere e capitano considerato tra i padri fondatori del nostro calcio e dello scoutismo in Liguria, fu artefice dell’apertura ai soci italiani. La società fa parte dal 2013 del Club dei Pionieri, ente riconosciuto dalla F.I.F.A., comprendente l’albero genealogico dei club più antichi al mondo.

Le tradizioni del Genoa riconducono a una miriade di vicende e nomi, storie e racconti che hanno accompagnato, lungo la parabola dei risultati sportivi, trasformazioni epocali, mutamenti di scenari, evoluzioni dei costumi. Il Genoa come fenomeno sociale e patrimonio della comunità nel binomio ultrasecolare con Genova.

Il Genoa detiene numerosi primati, alcuni sportivi ed altri relativi all’organizzazione e alla vita della Società e della Comunità genoana.

Hall of Fame


E’ un progetto realizzato dalla Fondazione Genoa 1893 e dal Genoa Cricket and Football Club nato dalla volontà di valorizzare il patrimonio e la storia del Genoa Cricket and Football Club attraverso l’evocazione della sua preziosa memoria storica, celebrando le personalità più rappresentative ed emblematiche che con la loro opera hanno contribuito a costruire e consolidare la storia del Club Calcistico più antico d’Italia.

Edizione 2013


L’edizione 2013 ha segnato l’ingresso di 11 grandi della storia del Club più antico d’Italia nell’olimpo del Genoa Cricket and Football Club. A seguire il dettaglio degli 11 Hall of Famers 2013. La Genoa Hall of Fame 2013 si è conclusa con il voto finale della Giuria di qualità che ha decretato gli 11 vincitori. Nella sua prima edizione questa iniziativa ha ottenuto una grande partecipazione popolare, fatto testimoniato dalle oltre 20.000 preferenze raccolte durante le 5 fasi di voto. Gli 11 Hall of Famers 2013 sono stati presentati sul prato del Ferraris e premiati con le opere del pittore Federico Romero Bayter a loro dedicate, poco prima del fischio d’inizio di una gara dall’alto valore simbolico, Genoa – Napoli.

Gli Hall of Famers 2013 sono:
Portieri
Giovanni DE PRÀ
Portiere del Genoa dal 1921 al 1933, con 19 presenze nella Nazionale Italiana. Nel luglio 1972 ricevette la Fronda d’Oro, riconoscimento destinato a chi in patria e nel mondo onora la terra ligure e la sua gente. Il 9 dicembre 1979, anno della sua morte, gli venne intitolata la strada che corre tra il torrente Bisagno e lo stadio ‘Luigi Ferraris’.
Difensori
Gianluca SIGNORINI sr
Arrivato al Genoa nel settembre 1988, prima ancora che calciatore, è stato un uomo di grande personalità. Era lui a guidare il reparto e a comandare le operazioni. Da ricordare la sua commossa esultanza il 4 giugno 1995 sotto la Gradinata Nord, dopo aver appreso dalla radio la notizia della rete subita a Milano, a tempo scaduto, dal Padova che regalava al Genoa lo spareggio-salvezza. Dopo la sua morte avvenuta il 6 novembre 2002, la sua maglia numero 6 venne ritirata dalla Società.

Vincenzo TORRENTE
Giunto al Genoa diciannovenne nell’estate del 1985, si fece notare fin dall’inizio per la concentrazione nella marcatura e il senso della posizione; termina la sua carriera, senza soluzione di continuità, nel Genoa nel 2000 (secondo posto sia per stagioni disputate sia per presenze), giocando da libero.

Ottavio BARBIERI
Difensore di fascia destra, dotato di grande corsa, fu l’unico grande prodotto del vivaio rossoblù nel Primo Dopoguerra facente parte la formidabile squadra che vinse due titoli negli anni Venti. Giocò in rossoblù dal 1919 al 1932 e rappresentò il Genoa per 21 volte nella Nazionale Italiana.

Cláudio Ibraím VÁZ LEAL «BRANCO»
Terzino sinistro brasiliano arrivato dal Porto nel mercato di novembre del 1990, lasciò il segno nella storia del Genoa con una memorabile punizione che ridiede al «Popolo Rossoblù» un successo nel derby atteso da anni. Nelle successive due stagioni, era in quel momento uno dei migliori specialisti dei calci di punizioni e tra i più forti giocatori nel suo ruolo a livello mondiale.
Centrocampisti
Gennaro RUOTOLO
Difensore di fascia destra, dotato di grande corsa, fu l’unico grande prodotto del vivaio rossoblù nel Primo Dopoguerra facente parte la formidabile squadra che vinse due titoli negli anni Venti. Giocò in rossoblù dal 1919 al 1932 e rappresentò il Genoa per 21 volte nella Nazionale Italiana.

Mario BORTOLAZZI
Giunto venticinquenne al Genoa, ebbe un avvio non semplice, culminato con il calcio di rigore sbagliato in Coppa Italia con la Roma nel novembre 1990. Dal derby sorprendentemente vinto quattro giorni dopo si propose come il leader del centrocampo genoano fino a quando, nel 1998, con la rete della vittoria su calcio di punizione nella partita d’addio al “Luigi Ferraris” contro il Padova, decise di andare a giocare in Inghilterra nelle fila del West Bromwich Albion.

Juán Carlos VERDEAL
Argentino di padre spagnolo e madre italiana, giocò nel Genoa dalla stagione 1946/1947 a quella 1948/1949, in cui disputò uno splendido girone d’andata, che ebbe la sua pagina più esaltante nella vittoria casalinga per 3-0 sul Grande Torino. Della sua tecnica sopraffina e del suo estro in campo il maggior beneficiario fu l’ala sinistra, Riccardo Dalla Torre.
Attaccanti
Carlos Alberto AGUILERA NOVA
Giunto nell’estate del 1989, «Pato», giocatore tecnico dal fisico minuto, si rivelò subito «spalla» ideale per il compagno di reparto di turno (che coppia con Skuhravy!) e nello stesso tempo micidiale finalizzatore. Indimenticabili le sue due reti a Liverpool, quando il Genoa il 18 marzo 1992 andò a violare, prima squadra italiana a farlo, l’“Anfield Road”.

Roberto PRUZZO
Prodotto del vivaio rossoblù, Pruzzo era il tipico centravanti d’area di rigore, capace di sfruttare i pochi spazi che le rigide marcature ad uomo gli lasciavano. Dopo aver esordito nel 1973/1974 con il Genoa divenne, successivamente, il bomber della formazione rossoblù che contribuì alla promozione in Serie A, giungendo alla piazza d’onore nella classifica marcatori a tre lunghezze da Ciccio Graziani. L’anno seguente, al termine del campionato, Pruzzo lasciò per sempre il Genoa per passare alla Roma, dove giocò per dieci stagioni, prima di concludere la carriera alla Fiorentina.

Tomás SKUHRAVY
Nell’estate del 1990 giunse al Genoa il centravanti dello Sparta Praga e della Cecoslovacchia, Skuhravy. Fenomenale colpitore di testa, l’aitante bomber segnò nel primo campionato 15 reti, senza alcun calcio di rigore. Un incidente durante la preparazione estiva nella successiva stagione ne minò l’integrità fisica, trasformando uno dei migliori centravanti al mondo in un ottimo interprete del ruolo. E’ stato in assoluto il giocatore più votato nella Hall of Fame 2014.

Edizione 2015


Il Genoa Cricket and Football Club e la Fondazione Genoa 1893 presentano l’edizione 2015 della Hall of Fame. 200 leggende rossoblù scendono in campo. Solo una sarà l’Hall of Famer 2015.
Centrocampisti
Marco ROSSI
Bandiera e simbolo del Genoa in campo e oggi dirigente. Capitano di lungo corso, giocatore polivalente per qualita’ tecniche e fisiche. Straordinaria generosita’. Il club ha ritirato la maglia n 7 a fine carriera, iniziata in rossoblu’ nel 2003 e protrattasi per 11 stagioni e in tre differenti categorie. Per la sua duttilita’ e’ stato impiegato in quasi tutti i ruoli.

— I primati sportivi


Il Genoa è:
la più antica Società italiana di calcio: fu fondata il 7 settembre 1893, la sua Sezione Football fu istituita nel 1896 ed è l’unica tra le società esistenti ad avere partecipato nel 1898 alla fondazione della Federazione Italiana del Football
la prima vincitrice del campionato nazionale di calcio: 1898
maestra del calcio in Italia, avendo vinto sei dei primi sette campionati italiani
la squadra che per più volte è rimasta imbattuta nel massimo campionato (1898-1899-1900-1902-1903-1904-1905-1922-23)
la squadra che ha vinto il campionato durato più a lungo (1923-24, 11 mesi dal 7 ottobre 1923 al 7 settembre 1924)
la prima squadra italiana che istituì un settore giovanile (1902, per ragazzi sotto i 16 anni)
la prima squadra italiana che disputò un incontro internazionale tra squadre di club (1° marzo 1903: Genoa-Football Vélo Club Nice 6-0) e la prima che giocò all’estero (26 aprile 1903: Football Vélo Club Nice – Genoa 0-3)
la prima società che vinse il campionato italiano di pallanuoto istituito dalla Federazione Italiana Rari Nantes (1912)
la prima società italiana ad assumere un allenatore professionista: William Thomas Garbutt nel 1912 (nasce così la tradizione di chiamare “mister” l’allenatore)
la prima squadra ad appuntare lo scudetto tricolore sulle proprie maglie: campionato 1924-25
la squadra che ha segnato il maggior numero di reti in una partita del massimo campionato (16 in Acqui-Genoa del 4 ottobre 1914, record poi eguagliato dall’Internazionale) e in una partita in trasferta (nella stessa occasione)
la prima squadra italiana (unitamente alla Juventus) a partecipare a una competizione europea: Coppa Europa Centrale del 1929
la prima squadra italiana che adottò come modello di gioco il “sistema” (1939-40, allenatore Ottavio Barbieri)
la prima squadra italiana che sconfisse il Liverpool nello stadio dell’Anfield Road in una competizione ufficiale europea (18 marzo 1992 Liverpool-Genoa 1-2 Coppa UEFA)
la prima squadra italiana che vinse la Coppa delle Alpi (1962)

Genoa Club e Associazioni


Nel 1965 nacque il Coordinamento club genoani, con la prima sede in via Assarotti. Il tifo genoano degli anni ’60 divenne un fenomeno di massa e segnò la nascita di decine di club in città e in Liguria. Già nei primi anni ’70 il Coordinamento contava circa 100 club affiliati. Durante una riunione presso la nuova sede del Coordinamento in via Garibaldi prese forma l’idea dell’azionariato popolare, cioè la partecipazione diretta dei tifosi nella gestione della società. Le vicissitudini societarie del Genoa ebbero una ripercussione sulla tifoseria organizzata. A metà anni ’90 sorse l’Unione Tifosi Genoa (UTG), in alternativa al Coordinamento, con circa 20 club affiliati.
Nel 1999 nasce l’Associazione Club Genoani (ACG). Il Coordinamento si scioglie e l’UTG aderisce come semplice club alla nuova realtà del tifo organizzato. Attualmente l’ACG, in un costante crescendo, annovera oltre 200 club, sparsi in tutto il mondo: 60 a Genova, 30 in Liguria, 9 in Italia, 5 nel mondo. L’attività dell’ACG si sviluppa su tre fronti: favorire l’aggregazione dei tifosi, la cura dei rapporti tra Società e Club, la promozione e l’ideazione di attività rivolte al sociale.
Esistono inoltre altri club come il Genoa Club San Fruttuoso, il Genoa Club Bolzaneto, il Genoa Club Lino Bonilauri e le Associazioni Un Cuore Grande Così Onlus e Grifoni in Rete.

Associazione Club Genoani